A novembre la ginnastica dolce si farà online

Il COVID-19 ha imposto al mondo, alla società ed anche allo sport di ridisegnarsi, di adeguarsi e di riflettere sui propri ritmi e tempi. Il cambiamento che ne è scaturito è stato radicale. Facendo leva sul distanziamento sociale e sulla possibilità di rimanere uniti nonostante a separarci fosse una finestra digitale o smart , sono state generate opportunità e sono state aperte frontiere immaginifiche. La rivoluzione digitale ci ha permesso di sperimentare nuove tipologie di lavoro, di comunicazione e di fruizione di servizi. Anche lo sport, in tal senso, ha compiuto un balzo in avanti, legandosi in maniera indissolubile alla tecnologia. I promotori del progetto Be Active Stay Young (Unione Nazionale Veterani dello Sport, Associazione di Promozione Sociale Asi Ciao e Centro Nazionale Sportivo Libertas) hanno seguito il trend del momento e, per rispondere alle esigenze della società e per garantire la salute dei soggetti più fragili, hanno deciso di cavalcare l’onda e di rimodulare la loro iniziativa puntando tutte le fiches sulle attività online. I destinatari di Be Active Stay Young, persone con più di 65 anni, over 60 in sovrappeso e donne in menopausa che hanno varcato la soglia dei 50 anni di età, utilizzeranno una piattaforma web per seguire il piano di allenamento studiato per le loro esigenze e per migliorare la qualità della loro vita. Con un semplice click, inserendo username e password, saranno proiettati all’interno di un’area riservata dalla quale potranno accedere alle lezioni live di ginnastica dolce, visionare i precedenti allenamenti e trovare altre informazioni utili.

 

Il via alle lezioni online sarà dato a novembre. Il programma sportivo durerà sei mesi e prevede una seduta a settimana composta al massimo da 24 individui collegati contemporaneamente. Il target di Be Active Stay Young sarà seguito sempre da professionisti del fitness preparati e costantemente aggiornati ed anche da nutrizionisti e specialisti dell’alimentazione che dispenseranno nozioni utili a perdere peso. Il contatto tra esperti e target del progetto sarà diretto e costante.

 

Prima dell’avvio dell’attività online, però, Unione Nazionale Veterani dello Sport, Associazione di Promozione Sociale Asi Ciao e Centro Nazionale Sportivo Libertas realizzeranno 3600 interviste nelle 24 province coinvolte dal progetto e raccoglieranno 7.200 questionari che serviranno per condurre un’indagine sugli stili di vita delle persone.

 

Partendo da questi numeri e analizzando la nuova collocazione online del progetto, si può comprendere facilmente che Be Active Stay Young avrà un enorme impatto sul tessuto sociale e potrebbe essere replicato su tutto il territorio nazionale, e non solo all’interno delle province coinvolte.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *